organized by veronafiere

Piacciono sempre più le auto elettriche e “pulite”

L’Europa supera gli USA per vendite di auto a trazione elettrica e ibrida. In Italia cresce il parco vetture alimentate a GPL e a metano

Il parco auto circolante in Europa, e in Italia, è sempre più attento all’ambiente e al risparmio. A confermare un trend sempre più rivolto ad auto elettriche e ibride è il dato sulle vendite di questo comparto che registrano il sorpasso dell’Europa sugli Stati Uniti. Nel periodo gennaio-aprile 2015 nel Vecchio Continente se ne sono vendute ben il 60% in più, con 51.386 auto plug-in vendute in Europa (24.578 ibride + 26.808 elettriche “pure”) contro le 32.087 negli USA (10.684 ibride + 21.403 elettriche “pure”).

I vantaggi di una mobilità di questo tipo si riflettono in termini di riduzione di CO2 e di carburante. Tanto più se si svilupperà ulteriormente il comparto di veicoli elettrici senza conducente su cui scommettono i big dell’auto come Mercedes, ma anche un colosso del web come Google: secondo uno studio del Lawrence Berkeley National Laboratory – laboratorio del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti d'America – un taxi elettrico senza conducente emetterebbe il 60-80% di CO2 in meno rispetto ad un veicolo ibrido con autista e il 90% in meno rispetto a uno a benzina.

Futuro a parte, c’è anche da considerare le automobili che sfruttano carburanti meno impattanti rispetto a benzina e gasolio: sono quelle a gpl e metano. Vetture che paiono piacere sempre più in Italia dove continua a crescere il parco circolante, con una percentuale sul totale che, al 31 dicembre 2014, si è attestata al 7,76% contro il 7,35% dello stesso periodo del 2013.

Il Consorzio Ecogas ha reso noto che sono 2.875.788 i mezzi in circolazione, di cui 833.668 a metano e 2.042.120 a gpl: una cifra che comprende sia le auto di primo impianto, sia quelle trasformate in after market (su un totale di oltre 37 milioni di autovetture in Italia), a fronte di circa 1.050 distributori stradali di metano e 3.650 di gas di petrolio liquefatti.

La crescita è sensibile, se si guarda in particolare l’andamento dell’ultimo decennio: rispetto al 2005, che poteva contare su un circolante di 1.322.078 unità, l'incremento è stato del 117,52%.