organized by veronafiere

«La cogenerazione? Strategica per efficienza e ambiente»

Marco Cuttica, Sales Manager AB, spiega l’importanza della cogenerazione per centrare gli obiettivi europei di efficienza energetica e riduzione della CO2

La cogenerazione è una tecnologia determinante per l’efficienza energetica. Per questo è fondamentale il suo contributo ed è altrettanto basilare farla conoscere e promuoverne la sua diffusione. Lo sa bene il gruppo AB, leader europeo della cogenerazione e particolarmente sensibile a informare e far conoscere le potenzialità di questa tecnologia. Per questo ha scelto, per il terzo anno consecutivo, di essere presente, quale espositore top, alla prossima edizione di Smart Energy Expo, la prima fiera internazionale sull’efficienza energetica, in programma a Veronafiere dal 14 al 16 ottobre 2015. Proprio per capire quale sia l’importanza della cogenerazione, anche a livello comunitario, abbiamo incontrato Marco Cuttica, Sales Manager AB.
Dott. Cuttica, quanto e come la cogenerazione può essere strategica per centrare gli obiettivi UE relativi all'efficienza energetica e nell'impegno di ridurre le emissioni di CO2?
C’è un vecchio detto che può sembrare un po’ banale, ma non lo è affatto. Recita così: “l’energia più pulita è quella non consumata”. La cogenerazione applicata all’industria, essendo alimentata a gas metano, non può essere classificata tra le energie rinnovabili in quanto utilizza un combustibile fossile. Se la osserviamo però dal punto di vista del combustibile che permette di risparmiare, supera notevolmente tutte le rinnovabili. In termini di “volume globale di gas metano non bruciato” la cogenerazione è strategica per il raggiungimento degli obiettivi europei di riduzione delle emissioni di CO2 e di efficienza energetica. Considerando i medesimi quantitativi di energia elettrica e termica, produrli mediante un impianto di cogenerazione permette infatti di risparmiare circa il 45% di energia primaria.

Vista la vostra esperienza e importanza a livello europeo mondiale, quali sono, a vostro giudizio, i Paesi europei che dimostrano di credere maggiormente alle potenzialità della cogenerazione? L'Italia, in questo senso, come si pone?
Sicuramente l’Italia, casa nostra, ma anche tutti i mercati dove la cogenerazione rappresenta un’opportunità reale per gli scenari favorevoli del prezzo dell’energia elettrica e del metano. Siamo presenti in 18 paesi nel mondo e abbiamo da poco aperto nuove sedi in USA, Russia, Israele e Turchia.

La presenza "storica" di AB a Smart Energy Expo dimostra la volontà del Gruppo di puntare su eventi in grado di stimolare la tematica dell'efficienza energetica. A questo proposito, quanto occorre ancora fare perché si conoscano le potenzialità della cogenerazione?
La cultura e la conoscenza della cogenerazione si è sviluppata molto negli ultimi anni, ma non è ancora diffusa come dovrebbe. Ogni occasione è buona per fare “cultura” e sicuramente lo Smart Energy Expo è un’ottima vetrina per far conoscere non solo AB, ma soprattutto i benefici e le potenzialità di questa tecnologia, frutto dell’eccellenza ingegneristica e manifatturiera del “made in Italy” che può permettere al settore industriale di essere più competitivo a livello economico ed efficiente a livello energetico e ambientale. Testimonianza ne sono le numerose grandi aziende del settore che hanno scelto la cogenerazione di AB tra le quali: Ferrero, Coca Cola, Gruppo Mapei, Amadori e Benetton.