organized by veronafiere

Fare efficienza energetica in casa, i consigli del WWF

L’organizzazione ambientalista mondiale ha stilato online la top ten degli elettrodomestici migliori, offrendo consigli per il loro acquisto e uso

fn000171_448.jpg 

 

L’efficienza energetica è una pratica basilare anche nella propria abitazione. E qual è la voce di consumo più influente nella bolletta elettrica domestica? Quella degli elettrodomestici. E se l’Unione Europea ha ingaggiato una campagna per la messa al bando (tra il 2015 e il 2017) di alcuni dei più “energivori” tra cui asciugacapelli, tostapane e bollitori, c’è anche chi ha deciso di stilare una lista di apparecchi da scegliere per le loro qualità di efficienza. A pensarci è stato il WWF, avviando il progetto Top Ten: un sito web (la versione italiana è www.eurotopten.it) realizzato grazie al programma Intelligent Energy for Europe della Commissione Europea. Come spiega la stessa organizzazione ambientalista, «La missione del progetto Top Ten è quella di mitigare i cambiamenti climatici attraverso una trasformazione del mercato verso l’efficienza energetica e al tempo stesso incrementare il processo di trasparenza del mercato stesso. Il settore elettrico contribuisce, infatti, per il 37% delle emissioni di CO2 in atmosfera».

Il sito presenta i 10 migliori elettrodomestici suddivisi, per la casa, in 17 categorie di prodotto riguardanti frigoriferi, congelatori, forni a incasso, lavastoviglie, lavatrici, climatizzatori e televisori. Oltre agli apparecchi per la casa, sono individuati anche quelli per l’ufficio (monitor e stampanti), per l’illuminazione (basso consumo, Led e faretti Led); non manca anche la classifica delle automobili più “risparmiose”.

Top Ten non si accontenta di stilare la classifica dei migliori apparecchi: offre anche consigli per l’acquisto e per l’utilizzo. Nel primo caso, segnala per esempio che un frigorifero di classe A+++, consuma il 50% di elettricità in meno di un apparecchio A+: paragonando i due prodotti in 15 anni avremo uno ‘sconto’ in bolletta di almeno 350 euro.

Per quanto riguarda il miglior uso, sempre rifacendoci ad esempio ai frigoriferi, uno dei consigli è di non posizionarlo accanto al forno o alla lavastoviglie, spiegando che «più è elevata la temperatura circostante, maggiore sarà  il consumo elettrico».