organized by veronafiere

Enea ed Esteri alleati su efficienza energetica e green economy

Accordo tra l’Agenzia nazionale e l’organismo del Ministero degli Affari Esteri per cooperare allo sviluppo su efficienza energetica e su altri temi sostenibili

È imperniato sulla cooperazione per uno sviluppo economico sostenibile nel campo dell’efficienza energetica, ma anche in vari altri ambiti green quali fonti rinnovabili, ambiente e clima il protocollo d’Intesa tra ENEA e la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri (DGCS).

Le due parti hanno sottoscritto l’accordo a Roma, presso il Ministero degli Affari Esteri. Ad apporre le firme nell’occasione sono stati il ministro plenipotenziario Giampaolo Cantini, direttore generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e Giovanni Lelli, commissario dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. A darne notizia è stata la stessa Agenzia che, tra l’altro, è impegnata da oltre 30 anni sul fronte dell’efficienza energetica e, in particolare, nella ricerca e sviluppo di tecnologie che accrescano l’efficienza nella produzione dell’energia e nel suo utilizzo.

 

Il Protocollo d’Intesa, nello specifico, mira a rafforzare e strutturare la collaborazione già avviata per attività di cooperazione allo sviluppo nel campo dell’efficienza energetica, fonti rinnovabili, ambiente e clima, sviluppo sostenibile, innovazione del sistema agro-industriale e formazione tecnico-scientifica.

Inoltre, contribuirà al sostegno delle politiche dei Paesi partner della cooperazione Italiana nell’ambito dello sviluppo economico sostenibile e della green economy, attraverso la definizione ed esecuzione di programmi e progetti, incluso il trasferimento tecnologico e la formazione specialistica.

ENEA e DGCS collaboreranno insieme a definire posizioni e proposte della Cooperazione Italiana nel campo dell’energia e dello sviluppo economico sostenibile nel quadro dell’agenda internazionale post 2015 e nell’ottica della partecipazione della cooperazione italiana a EXPO 2015.