organized by veronafiere

Certificati bianchi, pubblicato il bilancio del Gse

Dal 3 febbraio al 31 agosto 2013 sono stati emessi, 2,8 milioni di Titoli di efficienza energetica.

 

Sono 2,8 milioni i Certificati bianchi rilasciati tra il 3 febbraio e il 31 agosto 2013. Lo ha reso noto il Gestore dei Servizi energetici. Secondo quanto comunicato dal Gse, in questi sette mesi, sono state concluse positivamente  più di 9 mila richieste (9.098), di cui 258 Proposte di Progetto e Programma di Misura (PPPM) e quasi altrettante (8.840) Richieste di Verifica e Certificazione (RVC). Nel dettaglio, il 54% dei Titoli di efficienza energetica rilasciati, è stato assegnato per interventi sui processi industriali per la generazione e il recupero di calore. Il 24%, invece, è stato emesso a seguito di opere all’ottimizzazione energetica, sempre dei processi industriali.

 

A seguito della chiusura dei procedimenti amministrativi e delle istruttorie tecniche svolte dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas durante il periodo transitorio, secondo quanto previsto dal Decreto Ministeriale del 28 dicembre 2012, il GSE ha autorizzato il GME ad emettere complessivamente 4.073.797 TEE. Nello stesso periodo di riferimento, inoltre, sono stati rilasciati, inoltre, 309.647 TEE II CAR, che attestano interventi di risparmio energetico ottenuti su impianti di cogenerazione ad alto rendimento.

 

Il meccanismo dei certificati bianchi è stato riformato alla fine dello scorso anno, le novità sono state introdotte dal già citato DM 28 dicembre 2012. Il testo ha affidato al Gse i compiti gestionali. L’Enea, invece, si occupa dei compiti tecnici, mentre l’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Aeeg) deve vigilare sugli aspetti finanziari. Autorevoli rappresentanti di tutte e tre queste istituzioni prenderanno parte al Summit che si svolgerà nel corso di Smart Energy Expo, la manifestazione dedicata all’efficienza energetica che si svolgerà a Veronafiere dal 9 all’11 ottobre.

 

In vigore dal 3 gennaio, il decreto 28 dicembre 2012 dovrebbe portare, nei prossimi quattro anni, a un risparmio di 25 megatep, cioè l'equivalente dell'energia prodotta da 25 milioni di tonnellate di petrolio. La nuova normativa ha rivisto anche gli obiettivi per quanto riguarda il taglio dei consumi. Secondo i nuovi target, grazie all’efficienza energetica si dovranno generare ottenere risparmi pari a 4,4 megatep nel 2013; 5,9 nel 2014; 6,4 nel 2015 e 7,3 nel 2016. Qualora l’obiettivo nazionale di un anno fosse superato con un margine superiore al 5%, per l’anno successivo sarà incrementato in proporzione.